www.cielinespansione.it
Pinerolo e il suo territorio

Data di aggiornamento di questa pagina: 28/04/2011 08:13

L'inquinamento luminoso cittadino 6

I buoni esempi, l'illuminazione sostenibile

sep1

I buoni esempi

In queste pagine sono state esaminate alcune problematiche legate all'inquinamento luminoso; molto si è detto e molto si è tralasciato, in particolare sono state trascurate — volutamente — tutte le questioni che riguardano l'osservazione astronomica strumentale e fotografica legate al colore delle lampade oppure inerenti all'illuminazione degli impianti sportivi; chi fosse interessato a questi e ad altri argomenti consulti i siti elencati a pagina 1.
Ora esaminiamo ciò che c'è di quasi buono, buono e ottimo in giro per la città.

Lampione

foto 1

Lampione

foto 2

Lampione

foto 3

Lampione

foto 4

Lampione

foto 5

Lampione

foto 6

Lampione

foto 7

Lampione

foto 8

Lampione

foto 9

Armature: quasi buoni (1, 2), buoni (3, 4) e ottimi (da 5 a 9) esempi.

Nella figura qui sopra (foto da 1 a 9) sono presentati alcuni modelli di armatura con lampade variamente schermate fotografati in città; si può avanzare qualche riserva sui globi (v. foto 1 e 2), infatti il vetro semisferico, specialmente se lavorato (v. foto 2), può disperdere molta luce: sarebbe preferibile non eccedere nel loro uso. Nel dubbio, meglio non usarli.
La foto 9 mostra che le lanterne poco inquinanti esistono! Sono state installate nell'agosto del 2009 nei giardini di piazza Garibaldi, di fronte alla stazione. Non sono perfette perché hanno i vetri laterali, ma sono senz'altro un bel passo avanti rispetto alle vecchie lanterne. C'è da augurarsi che prima o poi le finanze comunali e la sensibilità degli amministratori permettano di sostituire le lanterne del centro storico con modelli analoghi a questo (ma senza vetri, per favore).

Qui in basso le foto 10 e 11 mostrano due notturni molto vicini nello spazio (una ventina di metri) e nel tempo (ripresi a pochi minuti di distanza). Nella foto 10 siamo nei giardini di piazza Garibaldi rischiarati dai nuovi lampioni a lanterna schermata; nella seconda (foto 11) ci troviamo in piazza Volontari della Libertà da cui si scorge la Cavallerizza Caprilli, entrambe rischiarate con lanterne non schermate. L'illuminazione dei due luoghi è molto gradevole, calda e accogliente. Ma una diversità c'è: mentre le lanterne dei giardini, nonostante i vetri, inviano la luce prevalentemente verso il suolo, le lanterne non schermate della piazza la disperdono tutt'intorno.

Piazza Garibaldi

foto 10
I giardini di piazza Garibaldi. L'illuminazione è con lampade schermate.

Piazza Volontari della Libertà

foto 11
L'illuminazione con lampade non schermate di piazza Volontari della Libertà.

Un confronto.

Lampade ai vapori di sodio ad alta pressione. Come si può vedere muovendosi in città, la tendenza attuale è di sostituire le lampade ai vapori di mercurio con lampade ai vapori di sodio ad alta pressione (AP). Il motivo è che queste ultime hanno:

In conclusione, se gli esemplari mostrati in questa sezione fossero adottati su tutto il territorio cittadino (pubblico e privato) — e montati seguendo i criteri elencati nelle pagine precedenti — contribuirebbero ad abbattere l'inquinamento luminoso, a risparmiare energia elettrica con conseguente riduzione dei costi di gestione, e...

Piazza Vittorio Veneto

foto 12
I lampioni a vela. Gli stessi lampioni hanno appendici illuminanti rivolte verso il viale che circonda la piazza (v. foto 6).

Piazza Vittorio Veneto

foto 13
Notturno. L'illuminazione della piazza è ottima, non lo è altrettanto quella degli edifici circostanti e del monumento a F. Brignone (v. pagina precedente).

Piazza Vittorio Veneto di giorno e di notte.

... e dai punti più isolati di Pinerolo o semplicemente dal balcone di casa torneremmo a vedere, nelle serate limpide, lo splendore della Via Lattea. E forse di noi stessi.

Dante, Doré

figura 1
E quindi uscimmo a riveder le stelle.
Dante, Inferno, Canto XXXIV(1).
Illustrazione di Gustave Doré(2).


(1) L'immagine proviene da ex→questo sito.

(2) Paul Gustave Doré, Strasburgo, 1832 - Parigi 1883. Consulta su Wikipedia wp→Gustave Doré.

sep1

Informazioni di copyright Valid XHTML 1.1 Valid CSS!